AdWords Keyword Tool e Mina

Approfitto di questo post in lingua inglese per parlare dello strumento per le parole chiave di AdWords.

L’autore dell’articolo dice che è impreciso e non affidabile per i SEO.

L’articolo ha avuto molti moltissimi commenti e tra questi ce n’è uno che mi ha colpito molto.

Sto parlando del commento di Brent Hodgson, autore del software MarketSamurai.com, che dichiara di avere 197 mila clienti.

Ora, ragionando per assurdo, se lo strumento di AdWords fosse così inaffidabile io credo che (forse) Brent sarebbe più a rimborsare i suoi clienti che a produrre tools.

Tra l’altro cosa penso del keyword tool di AdWords per fare SEO l’ho già scritto qui, annotando anche le “inesattezze” e in parte dei motivi per cui possono verificarsi e anche la differenza tra le interfacce del tool qui.

Dopo aver letto i vari contributi, e visto l’ultimo video di Madri, scrivi cosa pensi tu di questo strumento nei commenti.

PS: Cosa c’entra Mina con questo post ? Niente, ma cantava  “Parole, parole parole” un buon hook per attirare l’attenzione :-) .

Comments

  1. Ciao Francesco, sempre a combattere per l’external tool di AdWords? Ma ti pagano almeno? ;)

  2. Ciao Roberto,

    non mi paga nessuno. Semplicemente porto la mia esperienza. Credo che “qualcosina” ci capisca tra tutti questi tools. Sai com’è …

    E comunque non solo secondo me i dati del tool di AdWords sono, com’è facile immaginare, personalizzati in base alle campagne fatte dell’utente nel suo account.

    Non ci voleva una grande scienza per immaginarlo. Google ha personalizzato prima le SERP, poi il Google Suggest…. Non c’è 2 senza 3.

Trackbacks

  1. [...] AdWords avevo scritto anche questo articolo di [...]

  2. [...] anche ripercorso la storia del keyword tool negli ultimi 2 [...]

Speak Your Mind

*